OLTRE IL PRESENTE. NENCINI, UN PORTOLANO PER AVVIARE UNA RIFLESSIONE

Una sinistra umanitaria che voglia essere competitiva dovrà confrontarsi con i profondi cambiamenti che hanno lacerato antiche consuetudini e, al contempo, creato opportunità inimmaginabili.
Presenteremo alla convention del 7 luglio il portolano da cui avviare la riflessione. Eccolo, in pillole:

1. Valori alti: il senso mazziniano per la responsabilità e il dovere, la spinta turatiana verso i diritti e le libertà.

2. Vivere nella contemporaneità ma abbandonando l'idea illuministica del progresso illimitato. Le radici vanno innaffiate, non tagliate. O si protegge la comunità o rischiamo di annegare nella globalizzazione.

3. Diritto di cittadinanza alla parola 'patria', spesso invisa alla sinistra, e bandire la parola 'Paese' in sostituzione del termine Italia. Non si tratta di chiudersi nei confini nazionali. Al contrario, l'affermazione dell'identità è indispensabile per tutelare le differenze. Valorizzare il 'comune sentire' è condizione per convivere con le diversità.

4. Europeisti, ma a favore di un'altra Europa: riequilibrio a vantaggio del fronte mediterraneo, Commissione intesa come governo europeo, politica estera comune, un unico ministro del tesoro dell'U.E. E scelte orientate a bloccare la balcanizzazione dell'Europa.
Revisione del Trattato di Dublino in tema di migranti. E comunque chi vive in Italia dovrà svolgere lavori socialmente utili a vantaggio della comunità che li ospita.

5. Declinare meriti e bisogni al tempo della rivoluzione tecnologica. Sostenere gli studenti che si trovano nella condizione del bisogno e hanno merito (sostegno all'affitto, borse di studio, viaggi di studio all'estero); assunzione di 500.000 giovani nella pubblica amministrazione per valorizzazione ambiente, difesa paesaggio, tutela beni artistici e culturali (costo 10 miliardi di Euro); servizio civile obbligatorio; trarre da una maggior tassazione del gioco d'azzardo le risorse per aumentare le pensioni minime; costruire nuovi alloggi popolari per soddisfare le lunghe liste di attesa di famiglie italiane.

6. Ripensare l'architettura istituzionale sostenendo con forza il tentativo di dare un taglio costituente all'attuale legislatura: elezione diretta vertici delle città metropolitane, accorpamento regioni, definizione ruolo e poteri delle province, fusione piccoli comuni. Nelle elezioni comunali, consentire il voto ai sedicenni. Infine, separare le carriere dei magistrati.

I commenti sono chiusi