Ludopatia. Nencini, il caso di Milano è drammatico. A Fico e Casellati chiedo un Osservatorio parlamentare

“Sulla ludopatia non bisogna abbassare la guardia. La storia della madre di Milano che costringeva la figlia a prostituirsi per pagare il vizio del gioco, è la punta dell’iceberg di un problema più ampio e drammatico. Una situazione sulla quale tutte le forze politiche devono convergere”. Così Riccardo Nencini, segretario del Psi, commentando il caso milanese della donna arrestata per maltrattamenti in famiglia, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, consumato nei confronti della figlia maggiorenne, costretta a prostituirsi per alimentare la ludopatia della madre. La figlia minorenne subiva continui maltrattamenti e vessazioni. “I socialisti si battono da anni per introdurre norme che limitino e in alcuni casi vietino il gioco d’azzardo. Chiederò sin da subito ai presidenti di Camera e Senato di istituire immediatamente un ‘Osservatorio parlamentare contro la ludopatia’ per affrontare un dramma che vivono migliaia di italiani. La prima azione da fare – ha aggiunto Nencini – è quella di prevedere l’obbligo per i Comuni di stabilire  una distanza minima ‘di sicurezza’ del gioco d’azzardo da centri sociali come scuole o centri anziani e di aumentare la tassazione per i gestori. Non cè un momento da perdere”

 

I commenti sono chiusi