Fantò, i socialisti veneti in piazza. “La manovra giallo-verde impoverisce il Paese e umilia i lavoratori”

“Il PSI del Veneto ha risposto all'appello all'unità lanciato nei giorni scorsi dal PD manifestando oggi a Padova la propria contrarietà alla legge di bilancio”. Così in una nota il Segretario regionale del Psi del Veneto, Luca Fantó, che spiega le ragioni della manifestazione di protesta alla manovra del governo giallo-verde. “Contrarietà per i contenuti della legge e soprattutto per i modi in cui l'approvazione di tale legge è avvenuta. Una legge di bilancio che non risolve i problemi del Paese - ha proseguito Fantó - penalizza i nostri anziani ed i nostri giovani, umilia i lavoratori, inganna chi vorrebbe un lavoro dignitoso e rischia di trovarsi in mano una manciata di euro, una mancia. Una legge approvata ignorando i principi ispiratori del parlamentarismo democratico. Ma non solo la legge di bilancio”- ha puntualizzato. 

“In piazza della Frutta, a Padova, il PSI ha ricordato come solo l'unità del centrosinistra, unità d'intenti e d'azione, potrà essere argine al nazionalismo populista. Unità che nel Veneto dovrà portare il PSI, il PD e le altre formazioni della sinistra veneta ad affrontare unite i prossimi appuntamenti elettorali.

Le prossime elezioni amministrative saranno un momento fondamentale per il futuro della nostra Regione, le prossime elezioni europee un fondamentale momento di salvaguardia della democrazia”- ha proseguito. 

“Solo “uniti nella diversità” le donne e gli uomini del centrosinistra, nel Veneto, in Italia ed in Europa, potranno efficacemente rappresentare la propria proposta alternativa a quella dei governi della conservazione. Questo è stato l'appello lanciato oggi a Padova dal PSI del Veneto”- ha concluso Fantò. 

I commenti sono chiusi