Insieme: esposto ad Agcom, correggere situazione discriminatoria

La lista Insieme di ispirazione ulivista, costituita da Socialisti, Verdi e Civici, in corsa per le elezioni del prossimo 4 marzo in coalizione con il centrosinistra, ha inoltrato una dura lettera di protesta all'Agcom, l'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, che ha il compito di vigilare sulla par condicio nelle apparizioni televisive durante il periodo della campagna elettorale.
Nella lettera di protesta si citano i rilevamenti realizzati dall'Osservatorio di Pavia, sia per quanto riguarda i Tg della Rai, che per le trasmissioni pertinenti all'approfondimento politico.

"I dati diffusi indicano che la Lista Insieme è stata completamente azzerata", fanno sapere i fondatori della lista Angelo Bonelli, Riccardo Nencini e Giulio Santagata "non solo nelle reti della Tv pubblica, ma anche nelle private nazionali.
In una democrazia è inammissibile che ad una forza politica sia impedito di parlare durante la competizione elettorale per spiegare il programma come è stato fatto nei nostri confronti".

La lista Insieme ha formulato ufficialmente la richiesta di correggere questa situazione "secondo quanto disposto dalle norme in materia

I commenti sono chiusi