8 marzo. Il contromanifesto del Psi in riposta al volantino vergognoso e oscurantista della Lega Salvini Premier di Crotone

Il Psi risponde al volantino della Lega Salvini Premier di Crotone, ‘vergognoso e oscurantista’, con un 'contromanifesto' dove si replica, punto per punto, alle affermazioni contenute nel banner  diramato dai leghisti della provincia calabrese in occasione dell’8 marzo, festa della donna, e che ha suscitato polemiche bipartisan.  “CHI OFFENDE LA DIGNITÀ DELLA DONNA?”- si legge nel volantino socialista. “Gli autori del vergognoso volantino della Lega Salvini Premier di Crotone. Chi  è contro le conquiste sociali e di progresso ottenute in decenni di lotte dai socialisti. Chi è contro l’autodeterminazione della donna, le quote rosa e la parità di genere, capisaldi di una società libera e civile. Chi ha promosso e sostenuto il ddl Pillon, che comporterebbe  una grave regressione che alimenterebbe la disuguaglianza di genere. Chi non sostiene e tutela politiche a sostegno della parità salariale tra uomo e donna, i centri antiviolenza e i centri di ascolto per le donne che subiscono abusi domestici e sul luogo di lavoro. Chi non sostiene le donne che aspettano un figlio e perdono il lavoro attraverso dimissioni in bianco e licenziamenti Le donne hanno contribuito alla caduta del regime fascista, combattendo nella Resistenza, contribuendo alla stesura della Carta Costituzionale. Conquistarono diritti come la tutela fisica ed economica delle lavoratrici madri, la parità di trattamento al lavoro, il divorzio, il nuovo diritto di famiglia.NESSUNO TOCCHI I DIRITTI DELLE DONNE!”

I commenti sono chiusi